Come avviene un controllo GSE

Il procedimento di controllo viene notificato con raccomandata A/R o tramite Posta Elettronica Certificata circa 20 giorni prima dell’ispezione. La comunicazione riporta il luogo, la data, l’ora e il nominativo dell’incaricato al controllo. Il titolare dell’impianto o un suo delegato deve essere presente durante l’attività di verifica e deve presentare la documentazione richiesta dal GSE nella suddetta comunicazione. A seguito dell’ispezione viene rilasciato un verbale, sottoscritto dall’incaricato del controllo e dal titolare dell’impianto o dal suo delegato. Il verbale viene trasmesso al GSE e rilasciata anche al titolare dell’impianto o al suo delegato.

Il controllo può essere effettuato direttamente dal GSE o da società esterne dotate comunque di specifiche competenze specialistiche.

La complessità dei controlli a cui un impianto fotovoltaico può essere sottoposto varia a discrezione del GSE che effettua controlli secondo due modalità:

  • La verifica documentale: riguarda il controllo della documentazione prodotta in fase di allaccio dell’impianto fotovoltaico e presentata per la richiesta di accesso all’incentivo, nonché successivi adeguamenti.
  • Il sopralluogo con verifica documentale: intervento sull’impianto per verificare che quanto dichiarato corrisponda effettivamente con quanto installato sull’impianto stesso;


Dal 2012 al 2016, l’aumento dei controlli GSE è stato esponenziale, come dimostra il grafico in merito alle sole verifiche documentali.

Numero di Verifiche Documentali effettuate dal 2012 al 2016.



Il numero delle verifiche documentali degli impianti è aumentato esponenzialmente, +242% nel 2016 rispetto al 2014.