Superbonus 110: 5 FAQ su credito d’imposta e cessione del credito

Sei un professionista del settore?

Ti stai informando per lavorare in sicurezza con l’ECOBONUS110 ?

Nuove FAQ per dominare l’incertezza, nel dettaglio, oggi proponiamo 5 FAQ per per affrontare il discorso del  credito d’imposta e della cessione del credito.

  1. Quando posso cedere il mio credito d’imposta? Per beneficiare delle detrazioni del Decreto Rilancio e della trasformazione in credito d’imposta, i lavori di ristrutturazione / efficientamento devono essere eseguiti dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. La scadenza si allunga fino al 30 giugno 2022 per i lavori eseguiti dagli istituti autonomi case popolari (IACP).
  2. Chi può cedere il credito d’imposta? I beneficiari delle detrazioni, trasformabili in crediti d’imposta, sono:

a) i condomìni. Tuttavia, il Super Bonus non si applica agli interventi realizzati su parti comuni a due o più unità immobiliari distintamente accatastate, di un edificio interamente posseduto da un unico proprietario o in comproprietà fra più soggetti;

b) le persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, arti e professioni (la detrazione spetta anche ai contribuenti persone fisiche che svolgono attività di impresa, arti e professioni, qualora le spese sostenute abbiano ad oggetto interventi su immobili diversi da quelli strumentali alle predette attività);

c) gli istituti autonomi case popolari (IACP) e altri enti aventi le stesse finalità sociali;

d) le cooperative di abitazione a proprietà condivisa per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;

e) le organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui all’articolo 6 della legge 11 agosto 1991, n. 266, e le associazioni di promozione sociale iscritte nel registro nazionale e nei registri regionali e delle province autonome di Trento e di Bolzano previsti dall’articolo 7 della legge 7 dicembre 2000, n. 383;

f) le associazioni e le società sportive dilettantistiche iscritte al registro di cui all’articolo 5, comma 2, lettera c), del decreto legislativo n. 242 del 1999 riconosciuti i lavori di cui all’art 119 finalizzati ai soli immobili adibiti a spogliatoi.

Chi effettua i lavori ha, inoltre, la possibilità di richiedere lo sconto in fattura direttamente all’impresa che esegue i lavori. In questi casi, il credito d’imposta sorge in capo alle imprese appaltatrici, che potranno a loro volta cedere il credito alla Banca.  I contribuenti persone fisiche possono beneficiare del Superbonusrelativamente alle spese sostenute per interventi realizzati su massimo due unità immobiliari.

  1. Quanto tempo è richiesto per perfezionare la cessione del credito di imposta all’ intermediario, a fine lavori, dopo il completamento delle procedure di validazione documentali? L’Agenzia delle Entrate comunica che l’erogazione del credito di imposta al beneficiario (cedente) viene completata entro 5 giorni lavorativi dall’invio del modello di opzione cessione credito.
  2. Chi ed entro quando deve inviare il modello di opzione cessione del credito all’Agenzia Entrate? Per interventi eseguiti su singole unità immobiliari, il compito di invio della trasmissione telematica del modello ricade sul CAF o professionista fiscale abilitato.
    Nel caso di interventi eseguiti su parti comuni di Condomini, tale compito può essere svolto anche dall’Amministratore Condominiale, se presente.
    Il modello può essere inviato a partire dal prossimo 15.10.2020, entro e non oltre il 16 marzo dell’anno successivo a quello di sostenimento spese.
  3. Posso effettuare la cessione del credito a SAL (i.e. Stato Avanzamento Lavori)? Sì, l’opzione di cessione può essere fatta in relazione a ciascuno stato di avanzamento lavori. In relazione al Superbonus 110%, gli stati avanzamento lavori non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo. Inoltre, il primo SAL deve riferirsi ad almeno il 30% e il secondo ad almeno il 60% dell’intervento complessivo.

RIMANI AGGIORNATO!
Di seguito, sull’onda delle FAQ periodiche, riportiamo le ultime pubblicate e la possibilità di richiedere maggiori informazioni nel FORM:


  

ECOBONUS 110%: FAQ per analizzare interventi di riqualificazione, demolizione ed ampliamento

 

 

 

 

 Casi pratici Fiscali per la gestione dell’ECOBONUS in FAQ

 

 

 

 

 

FAQ Ecobonus 110% Controlli e quali documenti conservare     

  

 

 

 

 

FAQ per comprendere i fondamenti del SUPERBONUS

 

 

COMPILA IL FORM DI CONTATTO PER RICHIEDERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Nome:*
Cognome:*
Ragione Sociale:
E-mail:*
Telefono:*
Messaggio:*
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere informazioni in seguito alla mia richiesta e a fini commerciali*
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere newsletter *
Informative disponibili cliccando quì

 

 

 

Condividi su