Controlli GSE: sotto esame tutta la Documentazione dell’Impianto

Nella realizzazione di un impianto fotovoltaico l’aspetto normativo non deve essere certamente sottovalutato. Bisogna tenere in considerazione diversi elementi, come ad esempio quelli urbanistici e paesaggistici, quelli tecnici relativi alla rete elettrica di distribuzione ed infine, ma non meno importanti, quelli fiscali. Dunque, occorre saper districarsi nella giungla normativa che da anni governa il mondo del fotovoltaico soprattutto adesso che il GSE ha intensificato l’attività di controllo.

Nonostante siano già passati 3 anni dall’emanazione del Decreto Controlli, i numeri relativi alle attività di controllo e verifica del GSE risultano ancora poco conosciuti e purtroppo sottovalutati.

Il 31 Gennaio 2014, il Decreto Controlli ha introdotto una disciplina organica per il controllo e le sanzioni in materia di incentivi nel settore delle energie rinnovabili, individuando le modalità organizzative e operative dei controlli e la lista delle violazioni rilevanti. I controlli effettuati e disposti dal GSE “sono volti alla verifica della sussistenza o della permanenza dei requisiti soggettivi e oggettivi e dei presupposti per il riconoscimento o il mantenimento degli incentivi”(DM 31/01/2014, art. 1 comma 2), e riguardano tutti gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili che percepiscono un incentivo erogato dal GSE, di qualsiasi tipologia, potenza e Conto Energia.

Cos’è il controllo GSE

Il controllo GSE è un’attività di verifica della sussistenza dei requisiti per il riconoscimento ed il mantenimento degli incentivi.

Dal 2001 il GSE ha cominciato ad effettuare controlli, ma è solo dal 2011 che le attività di verifica hano avuto un andamento significativamente crescente, fino ad arrivare al 2014 con l’emanazione del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, conosciuto come Decreto Controlli. Tale Decreto è stato introdotto per regolamentare e quindi rendere inattaccabile il controllo e le sue conseguenze, rendendo oggettiva la procedura.

Le motivazioni alla base dell’intensificarsi di questa attività possono essere ritrovate nel report Attività di Verifica e Ispezione nel 2014, Direzione Verifiche e Ispezioni, marzo 2015, dove viene riportato quanto segue: “Le numerose richieste di incentivazione per l’entrata in esercizio di nuovi impianti da parte delle diverse categorie di produttori hanno determinato un considerevole incremento degli incentivi raggiungendo, in data 6 giugno 2013, il tetto massimo di spesa per gli impianti fotovoltaici pari a 6,7 miliardi di euro. Pertanto, considerato tale contesto e in applicazione di quanto previsto dal Decreto Controlli, il GSE ha intensificato le attività di verifica in maniera significativa […]”

Dal 2012 al 2015, l’aumento dei controlli GSE è stato esponenziale, come dimostra il grafico in merito alle sole verifiche documentali.

controlli gse

 

 

 

 

 

 

 

 

Il numero delle verifiche documentali degli impianti è aumentato esponenzialmente, +114% nel 2015 rispetto al 2014.

Parliamo quindi di attività di controllo non sull’impianto ma unicamente sulla documentazione. Punto focale è infatti l’accertamento del diritto all’incentivo, quindi viene verificato che tutta la documentazione presentata i fase di richiesta dell’incentivo sia corretta e che siano stati svolti correttamente tutti gli aggiornamenti normativi successivi.

“Se percepisco l’incentivo, che in fase di richiesta mi è stato concesso, avranno già svolto i controlli necessari e verificato la sussistenza di tutti i requisiti per accedere alla tariffa incentivante”

Dubbio lecito, che in molti si pongono, a cui però è altrettanto immediato dare risposta in due semplici punti:

  • A suo tempo le richieste di accesso all’incentivo sono state numerosissime e i controlli venivano svolti quantitativamente e non qualitativamente. Risultava infatti impossibile fare controlli approfonditi dato che le richieste che pervenivano in un solo giorno erano pari al numero di controlli svolti attualmente in un anno.
  • Risulta inoltre chiaro, nella convenzione firmata , articolo “Verifiche e controlli” che il GSE si riserva la facoltà di effettuare sopralluoghi sull’impianto oggetto della convenzione ai fini di accertare la veridicità delle informazioni e dei dati trasmessi.

MC Energy suggerisce quindi di prestare molta attenzione alla parte documentale del proprio impianto fotovoltaico, importantissima in questa fase per non rischiare di dover rinunciare all’incentivo.

L’unica via, per individuare eventuali situazioni di irregolarità, passa attraverso la verifica della documentazione.

Scopri di più, leggi la pagina dedicata all’ANALISI PREVENTIVA CONTROLLO GSE.

Chiedici maggiori informazioni

Nome:*
Cognome:*
Ragione Sociale:
E-mail:*
Telefono:*
Messaggio:*
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere informazioni in seguito alla mia richiesta e a fini commerciali*
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere newsletter *
Informative disponibili cliccando quì

Condividi su