DECRETO Semplificazioni 2021: Pubblicato in gazzetta ufficiale

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 129 del 31.05.2021, il Decreto Semplificazioni.

Il testo, nella sua prima parte, detta disposizioni in materia di governance del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, descrivendo un sistema articolato su distinti livelli. Vengono definiti i diversi ruoli strategici ricoperti dalle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, nonché le modalità di dialogo con le autorità europee.
Nella seconda parte del decreto, vengono previste una serie di misure di semplificazione che incidono sui settori più sensibili toccati dagli assi del PNRR e che mirano a favorirne la completa realizzazione, si tratta di interventi volti ad accelerare e snellire le procedure e, allo stesso tempo a rafforzare la capacità amministrativa della Pubblica amministrazione in vari settori.

Parleremo dei cambiamenti apportati dal Decreto Semplificazioni per chi lavora con il SUPERBONUS 110% al Webinar del 24 Giugno

>> ISCRIVITI SUBITO e ottieni il PDF del Decreto

 

Riportiamo di seguito un estratto dell’approfondimento pubblicato oggi sul sito https://www.fiscoetasse.com/

Misure di semplificazione

Come indicato sinteticamente nel comunicato del Consiglio dei Ministri, le misure di semplificazione si possono così riassumere:

Valutazione di impatto ambientale (VIA)

Riduzione dei tempi: sono ridotti i tempi per la valutazione di impatto ambientale dei progetti che rientrano nel PNRR, di quelli finanziati dal fondo complementare e dei progetti attuativi del Piano nazionale integrato per l’energia e il clima (PNIEC). La durata massima della procedura sarà di 130 giorni.

Commissione speciale: è istituita una apposita commissione tecnica per la VIA. La commissione è composta da un massimo di 40 persone nominate con decreto del Ministro. Lavoreranno a tempo pieno in modo da garantire efficienza e capacità produttiva.

Potere sostitutivo: è previsto l’esercizio di un potere sostitutivo nel caso di inerzia della commissione, oltre che dei dirigenti del Ministero della transizione ecologica e del Ministero della cultura.

Soprintendenza speciale: per la tutela dei beni culturali e paesaggistici interessati dagli interventi previsti nel PNRR è istituita presso il ministero della Cultura una Soprintendenza speciale.

Fonti rinnovabili

Per accelerare il raggiungimento degli obiettivi nazionali di decarbonizzazione sono semplificate le procedure autorizzative che riguardano la produzione di energia da fonti rinnovabili, la installazione di infrastrutture energetiche, impianti di produzione e accumulo di energia elettrica e, inoltre, la bonifica dei siti contaminati e il repowering degli impianti esistenti.

Superbonus

Per favorire l’efficientamento energetico degli edifici sono semplificate le procedure per l’accesso al Superbonus. L’accesso alla misura è esteso agli interventi volti alla rimozione delle barriere architettoniche.

Semplificazione delle procedure per le opere di impatto rilevante

Questo pacchetto di misure riguarda taluni progetti: l’alta velocità ferroviaria sulla tratta Salerno-Reggio Calabria, l’alta velocità/alta capacità sulla Palermo-Catania-Messina, il potenziamento della linea Verona-Brennero, la diga foranea di Genova, la diga di Campolattaro a Benevento, la messa in sicurezza e l’ammodernamento del sistema idrico del Peschiera nel Lazio e il potenziamento delle infrastrutture del porto di Trieste.

Per assicurare una procedura veloce è previsto che tutti i pareri e le autorizzazioni richiesti (Conferenza dei servizi, valutazione di impatto ambientale, verifica archeologica, dibattito pubblico) vengano acquisiti sullo stesso livello progettuale, ossia sul progetto di fattibilità tecnico-economica per il quale il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici definirà i contenuti essenziali. Un Comitato speciale all’interno del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici indicherà le eventuali modifiche o integrazioni al progetto di fattibilità tecnico-economica che dovessero essere necessarie per rispettare le indicazioni contenute nei pareri e le autorizzazioni.

Premi e penali per l’esecuzione dei contratti legati al PNRR

Per l’esecuzione dei contratti pubblici finanziati con le risorse previste dal PNRR e dal Fondo complementare, saranno previsti “premi di accelerazione” per ogni giorno di anticipo sul termine contrattuale. Saranno anche previste penali dovute al ritardato adempimento, comprese tra lo 0,6 per mille e l’1 per mille al giorno e da determinare in relazione all’entità delle conseguenze legate al ritardo, con un massimo del 20 per cento dell’ammontare stesso.

Altre modifiche riguardano i seguenti punti…

  • Subappalto
  • Dibattito pubblico
  • Appalto integrato
  • Inserimento al lavoro di donne e giovani
  • Trasparenza e pubblicità degli appalti
  • Primo rafforzamento del sistema delle stazioni appaltanti
  • Sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali
  • Fibra ottica e reti di comunicazione elettronica
  • Superamento del divario digitale

_________________________________________________________________________

VUOI SAPERNE DI PIù?

 I punti sopra riportati, insieme a Opportunità, rischi e tempistiche verranno approfonditi nel prossimo WEBINAR dal titolo:

 “DL Semplificazioni e Superbonus. Cosa cambia: Opportunità, rischi e tempistiche”

QUANDO? Giovedi’ 24 Giugno , ore 17:00

>> ISCRIVITI ORA e ottieni subito il pdf del Decreto Semplificazioni.

Condividi su