Graduatorie FER

Graduatorie Decreto FER: una breve analisi dei dati

Sono da poco uscite le graduatorie riguardanti la prima finestra del Decreto FER. E’ bene dare un’occhiata ai risultati cercando di capire cosa si nasconde dietro.

Focalizzeremo l’attenzione sulle graduatorie dei Registri, in particolar modo per quello che riguarda il fotovoltaico, quindi i gruppi A e A-2.

Graduatoria Gruppo A

➤ Dalla tabella si può notare come le domande presentate siano state numerose, ovvero 522, ma gli impianti ammessi in posizione utile sono stati neanche la metà, 169 di cui:

  • 96 eolici (di cui n.8 aggregati ciascuno da 2 impianti), per una Potenza media di 349.164 kW;
  • 73 fotovoltaici (di cui n. 4 aggregati di cui n. 3 da 2 impianti + n.1 da 5 impianti), per una Potenza media di 198.80 kW;
  • 0 impianti realizzati su discariche;
  • 56 impianti realizzati con colonnine (prime 56 posizioni utili);
  • riduzione percentuale, per impianti non aggregati dal 0% al 13%;
  • riduzione percentuale, per impianti aggregati dal 0% al 5.25%.

Da questi dati si evince chiaramente che chi si è presentato con un aggregato ha potuto godere di una riduzione percentuale più bassa.

➤ Ci sono poi gli impianti esclusi, che sono stati 66:

  • 23 eolici (di cui n.2 aggregati ciascuno da 2 impianti), per una Potenza media di 275.751 kW
  • 43 fotovoltaici (di cui n.2 aggregati ciascuno da 2 impianti), per una Potenza media di 271.466 kW

Quali sono stati i motivi dell’esclusione? Sicuramente per degli errori nella fase di presentazione della domanda, potrebbe esserci stato un mancato pagamento dei costi d’istruttoria dovuti ai sensi del D.M. 24/12/2014 o altre cause riscontrate dal GSE nella documentazione allegata alla richiesta di iscrizione.

➤ Infine troviamo gli impianti in posizione non utile, ovvero quelli che seppure hanno presentato una domanda corretta non sono rientrati in graduatoria, e sono 267, tutti impianti eolici con nessun aggregato.

Le possibili cause del mancato rientro nelle posizioni utili possono essere attribuite:

  • alla data di presentazione della domanda, ad esempio: a parità di riduzione percentuale sulla tariffa e valore della tariffa offerta con l’ultimo impianto ammesso in posizione utile, i primi tre non sono rientrati in posizione utile per posteriorità di presentazione della domanda;
  • al valore della tariffa offerta, ad esempio: i successivi impianti a parità di riduzione percentuale sulla tariffa si sono presentati con un valore della tariffa offerta più alto rispetto all’ultimo impianto ammesso in posizione utile.

 

Graduatoria Gruppo A-2

Per quanto riguarda questo gruppo, le domande presentate sono state 96.

➤ Gli impianti rientrati in graduatoria in posizione utile sono stati 59 e sono tutti impianti fotovoltaici, tra i quali c’è stato un aggregato da 2 impianti P<100 kW.

  • 0 impianti realizzati su scuole, ospedali, edifici pubblici;
  • 11 impianti realizzati con colonnine (prime 11 posizioni utili);
  • riduzione percentuale, per impianti non aggregati dal 0% al 5%;
  • riduzione percentuale, per impianti aggregati  5.3%;

➤ Gli impianti esclusi sono stati 35 e sono TUTTI impianti fotovoltaici e tra questi non c’è stato neanche un aggregato.

Come dicevamo sopra, le cause di una possibile esclusione sono da attribuire a potenziali errori in fase di presentazione della domanda, quindi per mancato pagamento dei costi d’istruttoria dovuti ai sensi del D.M. 24/12/2014 o per cause riscontrate dal GSE nella documentazione allegata alla richiesta di iscrizione.

➤ Non ci sono stati invece impianti rientrati in posizione non utile.

Cosa possiamo dedurre da questi risultati?

  • La presentazione della domanda è molto importante, ci sono delle fasi da seguire e documentazione specifica da generare.
  • La correttezza e coerenza della documentazione in fase di presentazione della domanda necessita di un controllo puntuale.
  • Sfruttare alcuni criteri di priorità, come ad esempio l’Aggregato di Impianti, sono indispensabili per essere certi di accedere al registro.

Sicuramente degli strumenti che guidino tutta la procedura di presentazione della domanda possono essere di primaria importanza, è per questo che MC Energy ha sviluppato un software, il DOC Creator, che ti guida e ti supporta passo passo in tutta questa fase, controllando mano a mano la documentazione presentata e che non manchi nulla.

Altro vantaggio lo so si può trarre dall’Aggregatore DOC, in quanto consiste in un criterio di priorità che accresce le possibilità di rientrare in graduatoria e di presentare una riduzione percentuale minore.

Vuoi essere preparato per la seconda finestra di questo Decreto FER? Vuoi ottenere gli incentivi per gli impianti che presenterai? 

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI:

Nome:*
Cognome:*
Ragione Sociale:
Regione:*
E-mail:*
Telefono:*
Messaggio:*
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere informazioni in seguito alla mia richiesta e a fini commerciali*
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere newsletter *
Informative disponibili cliccando quì
Condividi su