I condomìni, così come gli edifici unifamiliari, plurifamiliari, le ONLUS, le  associazioni, società sportive dilettantistiche etc.. possono usufruire delle super detrazioni per fare i lavori di efficientamento energetico o di riduzione del rischio sismico.

Come?

Ci sono indubbiamente molteplici aspetti da tenere in considerazione, che per molti risultano problematici , dato che vanno ad aggiungersi alla complessità della normativa rendendo la procedura ancora più complicata.

Ormai è risaputo che lavorare con il Superbonus è una grande opportunità e sarebbe da sciocchi non approfittarne. Ma ogni opportunità implica anche dei rischi e grandi responsabilità. Ecco il motivo per cui tramite webinar e articoli cerchiamo di fare quanta chiarezza possibile per mettervi nelle condizioni di poter iniziare a lavorare e usufruire della grande opportunità che ci si è presentata.

Quindi iniziamo!

Il primo step per iniziare a lavorare con i condomini è rappresentato dalla tanto temuta assemblea condominiale. Sarà proprio in sede di assemblea che si dovrà decidere che tipo di lavori effettuare, le tempistiche e le spese da mettere in conto.

Secondo il Decreto Agosto , DL 14 agosto 2020, n. 104, dopo aver scelto l’impresa che realizzerà i lavori, la decisione su quali interventi di efficientamento energetico effettuare potrà essere fatta in seconda convocazione dell’assemblea con almeno un terzo dei condomini presenti. La decisione potrà essere supportata dalle competenze dei tecnici che possono partecipare per spiegare come verranno realizzati i lavori e i materiali da usare.

Quali interventi?

Si può usufruire delle super detrazioni per interventi trainanti sulle parti comuni del condominio, come l’isolamento termico degli involucri edilizi, la sostituzione dell’impianto di riscaldamento, i miglioramenti antisismici. Oltre ad almeno un intervento trainante su parti comuni, si possono realizzare interventi anche su singole unità immobiliari all’interno di un condominio.

Come per altri immobili, gli interventi trainanti possono essere affiancati da interventi trainati, come l’istallazione di impianto fotovoltaici, sistemi di accumulo e colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. Questi ultimi interventi possono essere realizzati sia sulle parti comuni che su ogni singolo appartamento.

Anche per i condomìni, al fine di fruire delle super detrazioni,  vige la condizione del miglioramento di almeno due classi energetiche o il conseguimento della classe energetica più alta ove non possibile.

È quindi indispensabile e fondamentale procedere immediatamente con la verifica dei requisiti tecnici dell’immobile per poter stabilire la fattibilità degli interventi e i costi e tempi previsti.

Poter lavorare con il Superbonus sui condomìni, quindi, è una grande opportunità che implica anche dei rischi. Per non incorrere in sanzioni in seguito a controlli su documenti e certificazioni è importante rimanere sempre aggiornati e lavorare in sicurezza.

Se non sei riuscito a seguirlo, richiedici il video del webinar che abbiamo fatto il 22/10/2020 dal titolo “ECOBONUS 110%: Focus tecnico e procedure sui condomini” .

Non perderti le novità del Webinar su “ECOBONUS 110%: i 3 step indispensabili per partire” in programma per giovedì 3 Dicembre.ISCRIVITI

Iscriviti subito a questo link: https://attendee.gotowebinar.com/register/8411434787247164939

Se non sei riuscito a seguirlo, richiedici il video del webinar che abbiamo fatto il 22/10/2020 dal titolo “ECOBONUS 110%: Focus tecnico e procedure sui condomini” .

Compila il form di seguito:

Nome:*
Cognome:*
Ragione Sociale:
E-mail:*
Telefono:*
Messaggio:*
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere informazioni in seguito alla mia richiesta e a fini commerciali*
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere newsletter *
Informative disponibili cliccando quì
Condividi su